Terrina di maiale e scalogni al miele di rosmarino

bandieraClick to translate

Eccomi di nuovo sul banco di prova per l’MTChallenge, tema del mese: il miele, scelto da Eleonora e Michael del blog Burro e miele (per l’appunto!).

Scegliere la ricetta dolce non è stato semplice perché avevo molte idee estremamente diverse tra loro, ma poi la soluzione si è imposta quasi naturalmente, e senza che nemmeno me ne accorgessi era praticamente già fatta (la trovate qui).

Per il salato ero molto più titubante. Anche in questo caso avevo idee diverse tra le quali ho zigzagato per giorni, senza sapermi decidere.
La scelta per me più naturale sarebbe stata di abbinare il miele ad un formaggio stagionato o erborinato. Ancora ricordo la goduria di quei ravioli ripieni di Castelmagno, conditi con miele di castagno, fatti in un pomeriggio tra amiche e mai fotografati, che potevano essere replicati per l’occasione. O lo chèvre chaud, piatto di semplicità disarmante e di bontà celestiale, per me carico di ricordi e sensazioni ancora vivide di un magico viaggio in Provenza.
Ma il senso della sfida è anche quello di andare un po’ oltre il già noto, superare anche se di poco i propri limiti, e pertanto volevo osare con un accostamento più audace.
Le ho pensate tutte. Prima con il pesce, ma ho avuto paura. Allora con la carne. Ma quale? Petto di pollo con miele e zafferano? Scontato. Anatra all’arancia e miele? Un classicone. Agnello? Lo avevano proposto Eleonora e Michael.
Così, sono finita in un piatto che non è nè particolarmente originale nè raffinato, ma – come sempre in questi casi – mi ritrovo a scegliere ambiti e sapori che mi permettono di muovermi con agio e tranquillità.
Avrei voluto fare un piatto mediorientale, speziato e fascinoso. Ho fatto una terrina di maiale. Ma tant’è.

terrina di maiale-1

Per abbinare al maiale ho scelto un miele di rosmarino, non eccessivamente dolce, definito – nel sito Mieli d’Italia – un miele a debole-media intensità, tipicamente fine, poco persistente al palato.
Nel piatto finale non sono riuscita a sentire le note specifiche del miele, probabilmente distinguibili solo in purezza, ma il sapore complessivo mi sembrava equilibrato e gradevole.
La ricetta è molto semplice e veloce, perfetta anche se avete ospiti visto che si può fare in anticipo. Il gusto è intenso e saporito, a me ricorda la Francia e la cucina sostanziosa e quasi familiare dei bistrot.

terrina di maiale-3

TERRINA DI MAIALE E SCALOGNI AL MIELE DI ROSMARINO

Porzioni: 4       Tempo di preparazione: 30′ + una notte di riposo       Tempo di cottura: 1 h e 30′ circa

Ingredienti

  • 250 g di polpa di maiale (tagliata al coltello o macinata grossa)
  • 150 di petto di pollo (come sopra)
  • 1 uovo
  • 100 g di pancetta tagliata a fettine sottilissime
  • 100 g di zucca mantovana
  • 3 scalogni
  • 40 g di mandorle
  • 1 cucchiaio e 1/2 di miele di rosmarino
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1/2 rametto di rosmarino
  • 1 cucchiaio di Brandy
  • olio extravergine di oliva
  • sale e pepe

Procedimento

Tagliate la zucca a dadini non più grandi di un cm e fate stufare per 4-5 minuti in una casseruola con un filo d’olio evo e un rametto di rosmarino. Devono restare consistenti. Salate leggermente e tenete da parte.

Dividete le mandorle a metà (o tritatele molto grossolanamente) e tostatele appena in una padella antiaderente.

Affettate finemente gli scalogni e stufate a fuoco bassissimo, con lo spicchio d’aglio diviso a metà, in due cucchiai di olio evo. Quando saranno morbidi e traslucidi(se necessario aggiungete un goccio d’acqua) togliete l’aglio, versate il brandy e alzate la fiamma per far evaporare. Unite subito dopo il miele e fate cuocere per qualche minuto, facendo caramellare gli scalogni.

Amalgamate le carni con l’uovo e il composto di scalogni, aggiustate di sale e pepe, poi unite la zucca e le mandorle. Foderate il fondo e le pareti delle cocottine (o della pirofila) con le fettine di pancetta, riempite con il composto e cuocete a bagnomaria a 170°. Per le cocottine piccole è stata sufficiente 1 h e 15′, se usate un’unica pirofila tenetela almeno 1 h e 30′.
Fate raffreddare e tenete in frigo almeno qualche ora prima di consumare.

terrina di maiale-4

Con questa ricetta partecipo all’MTC n. 54

sfida

24 risposte a "Terrina di maiale e scalogni al miele di rosmarino"

  1. ma lo sai avrei scommesso che avresti fatto qualcosa col maiale? non chiedermi perché, a senso…
    molto gustosa questa terrina, dai gusti armoniosi dolci/salati, mi piace mi piace mi piace

  2. Il maiale ci va a nozze con il dolce, ma non è detto che l’accoppiata sia facile e immediata. Ci vuole misura, ci vuole la giusta “combriccola” di ingredienti. Io le terrine le adoro proprio, le uso spessissimo anche per riciclare gli avanzi, ma preparate e presentate nel giusto modo, possono anche costituire una raffinata portata in una cena. Bellissima la tua proposta, brava!

  3. … e prima o poi lo farai lo spiedino impiastricciato con miele zenzero limone aglio e spezie, senza ricetta e senza dosi, che mai una volta viene come quella prima ma viene sempre bene!

  4. Eh cavoli oltre ad una cosa estremamente buona, hai fatto come sempre una gran bella presentazione….. Dà sicurezza un piatto così….come spiegartelo?? … Regala la certezza che qualunque cosa ti sia successa..sai che la cena sarà buonissima

  5. Mich l’ha detto, voi riuscirete a farci mangiare il maiale :))
    E qui, tra lui mezzo francese e marito tutto francese questa terrine andrebbe proprio bene, giusto per far rivivere l’ambiente francese.
    Il miele di rosmarino ci sembra un’ottima scelta con il maiale, ma forse per farlo sentire di più e fargli caratterizzare il piatto come volevi, bastava che ne mettessi un pochino di più. L’aggiunta delle mandorle tostate poi, ci piace tantissimo.
    Ed è sempre un piacere passare di qui.
    Grazie
    Ele & Mich

    • Grazie Eleonora! So che il maiale non era la carne più adatta alla sfida ma mi sono sentita “attirata” verso questa ricetta e ho pensato di farla lo stesso. Sono contenta che ci siano comunque elementi che vi piacciono!
      Grazie ancora!

  6. Il miele di rosmarino non l’ho mai assaggiato, così come non ho mai cucinato una terrina. Per questo fatico a immaginarmi che sapore abbia, ma complice la bellezza della foto, sembra molto appetitoso!!! 🙂

    • La terrina è un piatto mooolto furbo! Di effetto, confortevole, che si fa in anticipo e…ci puoi infilare dentro di tutto!
      Ovviamente in questo caso gli ingredienti erano accuratamente selezionati! 😀

  7. Con la sfida di questo mese temevo di sprofondare nelle.. melensaggini 😀 , proprio io che non amo i dolci. Invece ho trovato bellissime ricette salate, e la tua è da sballo!

Lasciate un commento...alimentano il mio blog!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...