Torta margherita con crema di yogurt e fragole

Niente di meglio di una domenica di aprile per festeggiare la Torta Margherita! Oggi è la Giornata Nazionale dedicata a questo dolce della tradizione italiana, secondo il Calendario del Cibo Italiano promosso dall’Associazione Italiana Food Blogger e l’ambasciatrice è Sara, del blog Dolcizie.

La torta margherita prende questo nome – probabilmente – perché una volta cosparsa di zucchero a velo e tagliata a spicchi ricorda visivamente il bianco e il giallo di questo fiore, come se ogni fetta fosse un petalo. E, come la margherita, è semplice ed essenziale.

torta margherita-7bis

Nato come dolce povero, non molto dissimile dal pan di spagna, la torta margherita si è nel tempo arricchita di burro (o olio), il che la fa classificare tra le masse montate pesanti. Le torte che rientrano in questa categoria sono poco battute, hanno struttura alveolare molto fitta e una quantità importante di materia grassa, alla quale viene talvolta aggiunta frutta secca in polvere o pasta di mandorle. Anche per questo, a volte, viene usato del lievito, sebbene la ricetta originale non lo preveda: per aumentarne la leggerezza.

Dal punto di vista chimico, montare le uova per lungo tempo permette la formazione di minuscole bolle d’aria, che si traducono in un aumento di volume. Viene poi aggiunta la farina e si passa alla fase di cottura. Con il calore, gli alveoli d’aria aumentano di volume, producendo il rigonfiamento della torta. Via via che il calore penetra all’interno della massa, fa coagulare le uova così che la torta acquista struttura più solida e può mantenere il volume acquisito senza collassare.

La torta margherita è molto buona anche da sola, come dolce da colazione, ma data la stagione ho pensato di farcirla con fragole e una crema fresca e non troppo pesante. Così, è diventato un ottimo dolce pasquale alternativo alla colomba.

torta margherita-2

TORTA MARGHERITA CON CREMA DI YOGURT E FRAGOLE

Porzioni: 8-10      Tempo di preparazione: 40 minuti       Tempo di cottura: 30 minuti

Ingredienti

Per la torta margherita

  • 165 g di uova (circa 3)
  • 130 g di tuorli (circa 6)
  • 130 g di zucchero
  • 125 g di farina 00
  • 80 g di fecola di patate
  • 80 g di burro fuso
  • scorza grattugiata di 1 limone
  • semi di mezza bacca di vaniglia
  • un pizzico di sale

Per la farcitura

  • 250 ml di panna fresca
  • 250 g di yogurt greco
  • 8 g di colla di pesce
  • 130 g di zucchero a velo
  • 500 g di fragole
  • succo di fragole o sciroppo di zucchero q.b.
  • zucchero a velo q.b.
  • scaglie di cioccolato bianco

torta margherita-4

Procedimento

Unite lo zucchero, il miele, le uova (lasciando da parte i tuorli) e la scorza di limone. Riscaldate fino a 45-50°C, poi montate con le fruste o la planetaria per 15 minuti almeno; a metà montaggio, unite i tuorli a filo e continuate fino ad avere una massa voluminosa e stabile.
Setacciate la farina con la fecola, il sale e i semi di vaniglia, poi unite delicatamente al composto di uova con una spatola. Prelevate 1/10 del composto e inseritevi il burro fuso tiepido (45-50°C), poi unire al resto, mescolare e versare in uno stampo a cerniera da 22 cm di diametro, che avrete precedentemente imburrato.
Cuocete a 180°C nel forno statico. Dopo i primi 10 minuti inserite il manico di un mestolo nello sportello del forno, così da tenerlo socchiuso e proseguite la cottura per 20 minuti circa. La torta sarà pronta quando, se premuta leggermente con il polpastrello, oppone una certa resistenza e non torna indietro.
Una volta tolta dal forno, sformatela appena possibile e poggiatela su carta forno cosparsa di zucchero per non farla attaccare. Fate raffreddare per alcune ore, poi dividetela a metà con un coltello seghettato.

Mettete la gelatina a bagno in acqua fredda per 10 minuti. Scaldate leggermente 2 cucchiai di yogurt, aggiungete la gelatina strizzata, mescolate per farla sciogliere e unite al resto dello yogurt. Montate la panna ben ferma insieme allo zucchero a velo, unite allo yogurt e conservate in frigo fino al momento dell’uso. Mondate le fragole, tagliatele a pezzetti (ma tenetene da parte alcune per la decorazione finale) e unitele alla crema di yogurt.

Inumidite la superficie della metà inferiore della torta con pochissimo succo di frutta (o con uno sciroppo fatto facendo bollire acqua e poco zucchero), poi distribuite uno strato di crema e chiudete con l’altra metà di torta. Spolverate di zucchero a velo e guarnite con fragole fresche e scaglie di cioccolato bianco.

torta margherita-6

Note:

  • prima di tagliare a metà la torta, con un coltello piccolo e seghettato, ho tagliato via tutta la crosticina che si forma normalmente sulla superficie e sui bordi, laddove il calore arriva diretto (reazione di Maillard). Così ho ottenuto che si vedesse l’interno della torta, bello giallo come deve essere.
  • suggerisco di farcirla qualche ora prima (o anche un giorno), così che i sapori si amalgamino bene e al momento dell’assaggio torta e farcia siano…inscindibili!

Bibliografia:

torta margherita-5

18 risposte a "Torta margherita con crema di yogurt e fragole"

  1. E io che pensavo fosse la solita torta dedicata alla regina Margherita! Ottima, io l’adoro… Morbidissima e gustosissima, con le fragole, poi!

  2. Come sempre un pozzo inesauribile di idee e informazioni… sai che non l’ho mai fatta? Anzi, ora che ci penso l’avrò mangiata forse 2-3 volte in tutta la mia vita… ora che la vedo cosi bella vestita a festa qui da te, penso che potrei provare a farla visto anche che tra qualche tempo i mercati montrealesi si riempiranno di frutti rossi e l’acquisto compulsavo che ne deriva ! Bravissima Alice, come sempre!

    • Guarda, anche per me era la prima volta 🙂 Rimane più compatta del pan di Spagna ma il sapore è più gustoso per via del burro, si mangia volentieri anche da sola. Anche se, farcita ha tutto un altro perché!
      Che invidia i frutti rossi…qui si trovano poco e io sono sempre restia a comprarli perché so che sono coltivati e non selvatici… Dovrò organizzare un’escursione nei boschi, in estate!
      Un abbraccio, e grazie! 😀

  3. Questa torta è un inno alla primavera e la cosa bella è che la sua realizzazione mi sembra anche abbastanza a portata di mano…quasi quasi mi cimento nell’impresa 🙂

  4. Sempre interessante leggere i motivi chimico/fisici che portano ai risultati in cucina, soprattutto in pasticceria.
    Torta che può stare benissimo a tavola anche in una festa come Pasqua, bellissima tra l’altro la presentazione.

    Fabio

  5. Io qui vedo già l’estate… come se la primavera avesse fatto un saltello e si fosse tuffata subito nel verde dei giardini, nel rosso delle fragole succose e nella bontà della panna da mangiare con un dito! Ti è venuta benissimo e magari averla stasera come dessert… 🙂

Lasciate un commento...alimentano il mio blog!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...