Cheesecake alla vaniglia con coulis di ciliegie

united_kingdom_640

Click to translate

Lo ammetto, ho fatto questo dolce soltanto perché volevo scrivere “coulis“!! Nella mia beata ignoranza, non avevo un’idea precisa di cosa fosse, non avendo mai avuto voglia di cercarne il significato (ignorante e pure pigra…qualità vincenti!). Ma adesso lo so. E come capita spesso per le cose che sembrano complesse e raffinate, ho scoperto che la coulis è semplicemente una salsa, e anche facilissima da fare!

cheesecake6

La scelta del cheesecake, invece, è dovuta alla solita scorta di ricotta che devo consumare perché si avvicina alla scadenza (non si capisce perché mi ostini a comprarne così tanta). In realtà è un dolce che ho sempre snobbato un po’, uno di quelli che nella mia testa sono dolci “furbi”, che si fanno da sé, quasi senza cucinare…un’americanata, insomma. E però è giunto il momento di superare certi preconcetti e quindi lo diciamo: il cheesecake è proprio buono!
Ne esistono tante versioni, io ho scelto una delle più fresche: niente panna, Oro Saiwa invece dei Digestive e ricotta al posto del Philadelphia, il che rende il tutto più leggero e meno grasso al palato. E secondo me, ancora più buono. E voi come la preferite?

CHEESECAKE ALLA VANIGLIA CON COULIS DI CILIEGIE

Per la base:

  • 130 g di biscotti secchi
  • 60 g di burro
  • 15 g di zucchero di canna

Per la farcitura:

  • 500 g di ricotta vaccina
  • 120 g di zucchero
  • 1 uovo + 1 tuorlo
  • 1 bacca di vaniglia
  • 2 o 3 cucchiai di farina

Per la coulis:

  • 350 g di ciliegie denocciolate
  • 75 g di zucchero a velo
  • 2 cucchiai di succo di limone

cheesecake1

Le dosi sono per 6-8 persone, a seconda di quanto siete golosi. 😉
Sbriciolate finemente i biscotti (io ho usato il mixer) e mescolateli con il burro fuso e lo zucchero di canna. Foderate con questo impasto la base della tortiera che volete utilizzare (che sia adatta al forno: io ho usato tanti stampini di silicone a forma di fiore), compattatelo bene con il dorso di un cucchiaio e mettete in frigo per almeno un’ora.
Con una forchetta lavorate la ricotta con lo zucchero, aggiungete l’uovo e il tuorlo incorporandoli bene e poi unite la farina setacciata. Incidete la bacca di vaniglia in senso longitudinale e poi tagliatela in due o tre segmenti orizzontali. Versate nel composto di ricotta i semini e poi mettete anche i pezzetti di bacca. Mettete in frigo a riposare.
Trascorsa un’oretta versate il composto di ricotta nella tortiera foderata con l’impasto di biscotti e cuocete a 170-180° per 45-50 minuti. Io ho lasciato i pezzettini di bacca di vaniglia all’interno e il sapore non era troppo forte, ma se non volete che i vostri ospiti lo trovino mentre mangiano rimuoveteli prima di versare l’impasto nella tortiera.
Nel frattempo lavate le ciliegie, denocciolatele e mettetele in una padella antiaderente a fuoco medio; dopo qualche minuto aggiungete lo zucchero a velo setacciato e il succo di limone, mescolando con un mestolo di legno fino a farlo sciogliere completamente (bastano 5-6 minuti).
Passate la purea di ciliegie al mixer e poi filtratela in un colino, fino a raggiungere la consistenza desiderata. Io inizialmente l’ho fatta molto densa, ma vi ho aggiunto di nuovo un po’ del succo che avevo lasciato da parte perché la preferivo più liquida.
Fate freddare il cheesecake e poi mettetelo in frigo almeno un paio d’ore prima di mangiarlo. Servitelo, ovviamente, accompagnato da una cucchiaiata di coulis. 🙂

Con questa ricetta partecipo (in extremis!) al contest di Cornetto e cappuccino, nella sezione Dolci monoporzione.

Contest_ricotta

Tartufi al cacao

bandiera

Click to translate

Che la mia naturale inclinazione sia per i dolci semplici, sani e leggeri, mi pare ovvio. E’ altrettanto ovvio che non tutti condividono i miei gusti, e ottenere entusiastici apprezzamenti con le ricette della nonna non sempre è facile (ma possibile). Per questo ho una certa avversione per i dolci cioccolatosi, ricchi, stracarichi: oltre a non incontrare il mio gusto, mi sembra che siano fatti per vincere facile: a chi non piacciono i biscotti al burro, cacao e nocciole?!
Ma in questo caso faccio un’eccezione. Prima di tutto perchè questa ricetta ha un valore affettivo che mi richiama alla mente una vita ormai lontana e perduta, emozioni forti e confuse, situazioni complesse e amici oggi lontani ma che sento sempre vicini. E scusate se è poco.
E poi perchè questi tartufini sono così piccoli, simpatici, innocenti, che la loro deliziosa lusinga vi richiama con delicatezza, senza gli effetti roboanti di dolci ben più imponenti. Così minuti che, pensi, uno non può far certo male. E nemmeno due. Ma attenzione: danno assuefazione! 😉

palline5

PALLINE DI LUKA (TARTUFI AL CACAO)

  • 200 gr di biscotti secchi tipo Oro Saiwa
  • 200 gr di zucchero
  • 200 gr di mascarpone
  • 200 gr di burro
  • 2 tuorli
  • 100 gr di cacao amaro
  • 2 cucchiai di rum

Per la guarnizione:

  • cocco grattugiato
  • biscotti secchi sbriciolati
  • codette colorate

Lavorate il burro ammorbidito a temperatura ambiente con un mestolo di legno, aggiungendo lo zucchero fino ad ottenere un composto omogeneo. Aggiungete i tuorli uno alla volta, poi il mascarpone, il cacao, i biscotti tritati (io ho usato il mixer) e il rum. Formate con le mani delle palline e rotolatele nel cocco grattugiato, nei biscotti secchi o nelle codette. Tenete in frigo almeno un paio d’ore prima di servire.

Il cibo me lo porto in giro 1

Con questo post partecipo (insieme a Luka, ovviamente :-)) al contest”Il cibo me lo porto in giro” di Valy Cake and
Perchè questi tartufini sono facilissimi da trasportare
e se li presenterete ad una cena farete la felicità dei commensali: garantito!