Crema allegra di carote e pinoli

united_kingdom_640

Click to translate

Le carote sono troppo simpatiche.
Allegre, colorate.
Conigliesche.
E pensare che da piccola non credo di averne mai mangiate, erano una delle mie bestie nere (insieme ad altre verdure…pensate un po’ quanto si può cambiare!). E invece adesso le adoro. Da sgranocchiare in attesa della cena come spezzafame, o in una ricetta calda, golosa e rinfrancante come questa, da fare in una sera d’autunno per una cenetta a due. Il colore vivace e intenso di questa vellutata vi sorprenderà e vi scalderà il cuore e la vista. Oltre che il pancino!

crema1_scritta

CREMA DI CAROTE E PINOLI AL TIMO

Dose per 2 persone

  • 8-9 carote di medie dimensioni
  • 1 patata di medie dimensioni
  • 1 porro
  • sale e pepe
  • olio evo
  • timo
  • 1 cucchiaio di pinoli

crema5_scritta

Pulite le carote, pelate la patata e lessatele in acqua salata. Una volta che sono morbide, scolatele e fatele intiepidire.
Affettate finemente il porro, fatelo soffriggere brevemente in poco olio e poi aggiungete le verdure a pezzetti. Fatele rosolare per qualche minuto, aggiungendo un po’ d’acqua calda, se necessario, per completare la cottura e a seconda di quando volete densa la vostra crema (a me piace densissima!). A fine cottura, unite il timo.
Frullate il tutto fino ad ottenere una crema omogenea e completate con i pinoli tostati. Servite calda o tiepida.
Il tocco in più: Potete accompagnare la crema con dei bocconcini di pane fatto tostare in una padella antiaderente con un po’ di olio, sale e rosmarino. Così avrete un vero e proprio primo piatto.

crema9_scritta

Con questa ricetta partecipo al contest de La stufa economica

banner-1

Sformato di verdure e ricotta

bandiera

Click to translate

Et voilà! Due volte di fila (vedi qui) l’improvvisazione è riuscita!! Sarà magia? 🙂
O forse è semplicemente che per ben due volte ho osato svincolarmi dall’esecuzione pedissequa della ricetta e mi sono “lanciata”, affidandomi al buon senso e all’esperienza?
Quale che sia la risposta, fatto sta che qualche giorno fa mi sono ritrovata con della ricotta prossima alla scadenza, e così ho scartabellato tra i libri di ricette, messo insieme un po’ di idee e prodotto…questo!
Una ricetta colorata, veloce, leggera e fresca…l’ideale per salutare l’estate appena arrivata!

sformatini6

SFORMATINI DI RICOTTA

Dosi per 5 sformatini:

  • 250 gr di ricotta vaccina
  • 1 uovo
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 2 zucchine
  • 2 carote
  • un ciuffo di basilico
  • olio evo
  • sale e pepe

Tagliate le verdure a dadini e scottatale in acqua bollente per pochi minuti. Scolate la ricotta e lavoratela con l’uovo, aggiustando di sale e pepe (se avete tempo sarebbe meglio montare la chiara a neve). Unite il parmigiano, le verdure e il basilico tritato grossolanamente. Imburrate degli stampini monoporzione e cuocete a 180° per 20 minuti. Sformate e servite quando volete…sono buoni anche freddi!

P.S.: lo sapevate che sono su Bloglovin? potete seguirmi anche da lì! 😉
Follow my blog with Bloglovin

Flan di carote

bandiera

Click to translate

Amiche blogger, mi appello alla vostra esperienza e richiedo i vostri saggi consigli: cosa mi dite della cottura a bagno maria in forno?! Per me questa era la prima volta, ma già mi sta antipatica!
Dopo essermi ampiamente documentata, avevo deciso di fare così: teglia da forno con acqua già calda (quasi bollente) nella quale mettere gli stampini monoporzione. Ho fatto tutto secondo le istruzioni, ho cercato di mantenere la temperatura del forno tale da far continuamente sobbollire (ma non bollire) l’acqua, ma dopo 50 minuti i miei flan erano ancora mollicci all’interno.

flan7
Non volendo proseguire oltre quest’agonia (e presa da un leggeeeero nervosismo), ho tolto la teglia e fatto cuocere i flan normalmente per gli ultimi 10 minuti, ma così temo di aver vanificato la fase di cottura precedente.
Non mi dite che cuocerli normalmente è la stessa identica cosa…è certamente più pratico, ma una differenza nel risultato finale si dovrà pur sentire! Sennò perchè infliggersi questa sofferenza?
So che la cottura a bagno maria richiede tempi più lunghi, ma di quanto? Li dovevo tenere oltre un’ora?
Ogni parere, consiglio e suggerimento è vivamente gradito!!

P.S.: E comunque i flan sono venuti buoni lo stesso…alla faccia del bagno maria!

 

FLAN DI CAROTE AL TIMO

flan4Dose per 6-7 flan

  • 300 gr di carote
  • 2 uova
  • 200 ml di besciamella
  • 70 gr di parmigiano grattugiato
  • 1 cucchiaino di timo
  • 1 scalogno
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • olio evo
  • sale e pepe

Affettate finemente lo scalogno e fatelo appassire in poco olio. Dopo qualche minuto aggiungete le carote pelate e tagliate a rondelle, rosolatele e sfumatele con il vino; salate, pepate e fate cuocere per 20-25 minuti. Solo verso la fine aggiungete il timo. Passate le carote nel minipimer, poi aggiungete i tuorlo, la besciamella, il parmigiano e le chiare montate a neve. Imburrate degli stampini monoporzione da forno e versatevi in composto lasciando almeno 1 cm dal bordo.
Cuocete a bagnomaria a 180° per 1 ora (?). Io ho messo gli stampini in una teglia da forno con il bordo alto (quelle da arrosto, per intendersi) versandovi acqua già bollente, il cui livello fosse circa 1 cm sotto al bordo degli stampini. Lasciate intiepidire prima di sformare.