Mini plumcake con composta di fiori di sambuco

united_kingdom_640

Click to translate

Ok, questa estate non è proprio estate. Ma a me piace, e so che non sono la sola.
Perché si respira, perché si dorme…e perché si può accendere il forno!

Aspettavo da un po’ l’occasione per mettere alla prova la composta di mele e fiori di sambuco che vi ho raccontato ad aprile e finalmente il momento è arrivato.
Il vasetto era aperto già da un po’ ma non avevo ancora trovato l’impiego ottimale. Troppo aromatica, troppo particolare per una semplice fetta di pane. Buona mescolata con lo yogurt, ma insomma. Sicuramente troppo forte per farne una crostata. Ergo, l’ho messa in questi plumcake, ed è decisamente quello che volevo.
In alcuni ne ho messa una cucchiaiata al centro, per avere un cuore cremoso, mentre negli altri l’ho mescolata al resto dell’impasto, per avere un aroma più diffuso e persistente. Tuttora non so quale mi sia piaciuto di più.
Come vedrete l’impasto non è molto dolce, perché la composta aggiunge una buona dose zuccherina, quindi è un dolce adatto a tutti, ottimo per merenda o colazione, magari anche da portare in spiaggia.

Adesso che ho trovato la forma perfetta, c’è solo un problema: ho finito la composta!

miniplumcake fiori sambuco5

MINI PLUMCAKE CON COMPOSTA DI FIORI DI SAMBUCO

Ingredienti per 6 mini plumcake:

  • 90 gr di farina 00
  • 40 gr di fecola di patate
  • 1 uovo
  • 50 gr di zucchero
  • 40 ml di olio di semi di mais
  • 50 ml di latte
  • 1 cucchiaio di yogurt bianco magro
  • 1 cucchiaino abbondante di lievito in polvere
  • confettura di mele e fiori di sambuco (o quella che volete voi)

miniplumcake fiori sambuco3

Sbattete l’uovo con lo zucchero, unite l’olio e la farina setacciata con la fecola e il lievito. Infine aggiungete il latte e lo yogurt. Il composto deve essere molto morbido, come una crema lenta.
Se volete fare i mini plumcake all’aroma di fiori di sambuco unite all’impasto tre cucchiai di confettura e mescolate il tutto prima di riempire gli stampini.
Altrimenti riempite gli stampini per metà, mettete in ciascuno un cucchiaino di confettura e ricoprite con un velo di impasto, restando ben al di sotto del bordo dei pirottini. In cottura la confettura tenderà a scendere un po’ e il plumcake lieviterà, così il cuore resterà più o meno centrale. Un trucco per non far affondare la confettura è metterla fredda di frigorifero.
Cuocete a 180° per 25 minuti circa facendo la prova stecchino per controllare la cottura.

miniplumcake fiori sambuco8

Se vi interessano altri plumcake, provate anche

MINI PLUMCAKE ALLO YOGURT

MINI PLUMCAKE AL CACAO AMARO

PLUMCAKE ALLA RICOTTA SENZA BURRO NE’ OLIO

 

Banana and Coconut Cake – Torta cocco e banana

united_kingdom_640

Click to translate

Una torta in puro stile americano, almeno all’apparenza, perché a forza di vederle comparire su Pinterest me ne era venuta troppa voglia!
Però ho ridimensionato leggermente l’apporto di zuccheri (ne dubitavate?), che in questi cake è sempre allucinante, e ho sostituito il frosting di puro formaggio cremoso con un semplice icing, che dà comunque una notevole botta glicemica.
A me è piaciuta molto anche senza.
Il tipo che vive accanto a me ha detto: “Buona. Mi piace soprattutto la parte sopra”. -.-
Dico, capite quali frustrazioni devo subire?

La prossima volta gli faccio i butter cookies e chi s’è visto s’è visto.
E questa me la mangio io, che mica sono permalosa.

Banana and coconut cake

BANANA AND COCONUT CAKE

  • 180 gr di farina di farro
  • 60 gr di cocco rapè
  • 2 uova grandi (o 3 piccole)
  • 80 gr di zucchero di canna integrale
  • 100 ml di latte
  • 60 ml di olio di semi
  • 2 banane mature
  • 1 cucchiaino di lievito in polvere
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato
  • un pizzico di sale

Per la glassa:

  • 80 gr di zucchero a velo
  • 2 cucchiai di latte

Sbattete leggermente le uova e mescolatele con l’olio, il latte, lo zucchero e il cocco grattugiato.
Schiacciate le banane con una forchetta fino ad ottenere una purea e unitele agli altri ingredienti.
Unite a poco a poco la farina setacciata con il lievito e il bicarbonato mescolando rapidamente, versate in uno stampo a cerniera da 20-22 cm e cuocete a 180° per 35-40 minuti.
Mentre la torta si raffredda, scaldate il latte e versatelo sullo zucchero a velo precedentemente setacciato, lavorando energicamente con una forchetta per ottenere un composto lucido e omogeneo, ma piuttosto colloso. Versate la glassa sulla superficie della torta con un cucchiaio formando delle linee e lasciate consolidare (ci vorranno un paio d’ore).

bananacake9

BANANA AND COCONUT CAKE

  • 180 gr flour (I used hulled wheat)
  • 60 gr grated or shredded coconut
  • 2 big eggs (or 3 small)
  • 80 gr brown sugar
  • 100 ml milk
  • 60 ml sunflower oil
  • 2 ripe bananas
  • 1 teaspoon baking powder
  • 1/2 teaspoon soda
  • pinch of salt

For the icing:

  • 80 gr confectioners’ sugar (icing sugar)
  • 2 tablespoon milk

Beat eggs and whisk with oil, milk sugar and coconut.
Mash bananas with a fork and add to the mixture. Add the coconut.
Slowly incorporate the dry ingredients left just until combined.
Pour into a greased mould and bake for about 30-40 minutes at 360°F or until toothpick comes out clean when inserted.
For the icing, mix icing sugar with warm milk and beat with a fork until smooth and shiny. Pour it over the cake with a spoon.

bananacake11

0

Miascia – Torta di pane e mele

bandiera

Click to translate

Ebbene sì, dopo tanto tempo torno al mio vero amore! Le prime due puntate erano dedicate a ingredienti che mi trovavo in casa in grande quantità e che non sapevo come utilizzare (rispettivamente, i kaki e la ricotta), ma oggi si tratta di vero e proprio riciclo, perché questa torta è fatta con il pane secco.

Normalità vorrebbe che il pane avanzato, alimento economico e di scarso valore (a torto, secondo me) venga gettato via. Ma io sono forse normale? No!! A buttarlo non ce la faccio, è più forte di me, e così accumulo sacchetti di carta di scorte giganti che progressivamente si trasformano in pappa al pomodoro, panzanella o pangrattato. Oggi, però, ho deciso di dare a questo pane in attesa di evoluzione una possibilità in più e l’ho fatto diventare una torta!

La ricetta è semplice e veloce, il risultato abbastanza simile a una torta di mele aromatizzata alla vaniglia…vedrete, vi stupirà! Originario della provincia di Lecco, questo dolce si chiama “miascia” ed è tipico della tradizione contadina. L’elenco di ingredienti è lungo ma vedrete che sono tutte cose che in casa ci sono sempre, o comunque facilmente sostituibili con prodotti equivalenti.

miascia5

 

TORTA CON QUEL CHE C’E’ (MIASCIA)

  • 100 gr di pane raffermo
  • 300 ml di latte
  • 1 bustina di vanillina
  • 2 uova
  • 20 gr di burro
  • 60 gr di zucchero
  • 2 uova
  • 30 gr di biscotti secchi (anche amaretti, se vi piace il gusto)
  • 2 cucchiai di farina 00
  • 2 cucchiai di farina di mais fioretto
  • scorza grattugiata di mezzo limone
  • 2 mele (suggerisco Golden o Renette)
  • 2 pere
  • 2 cucchiai di uvetta (facoltativa)

 

miascia8

 

Spezzettate il pane in piccoli pezzi. Scaldate il latte con la vanillina fino a che non inizia a bollire, poi versatelo sopra al pane e fatelo assorbire bene, lasciandolo riposare per una mezz’ora e mescolando ogni tanto. Sciogliete il burro e unitelo al pane lavorando bene con una forchetta per disfare eventuali grumi, poi aggiungete anche le uova, i biscotti tritati, le farine, lo zucchero e la scorza di limone.
Sbucciate le due mele e una pera e fatele a piccoli pezzi; aggiungetele all’impasto (anche l’uvetta precedentemente ammollata, se volete) e mescolate energicamente il tutto. Imburrate una tortiera del diametro di 24 e versatevi il composto. Decorate la superficie con qualche fettina di pera.
Cuocete a 180° per 50 minuti.