Brutti ma buoni, per chi bada alla sostanza

united_kingdom_640

Click to translate

Passati il Capodanno e le festività più importanti, possiamo iniziare a pensare all’Epifania, una festa vissuta un po’ in sordina e che anche per questo sento molto…familiare! Mi è sempre piaciuta l’idea di trovare una calza piena di tanti dolcetti di tipo diverso, come un piccolo assaggio di tutti ma senza esagerare: il mio ideale!
Da tanto tempo non la ricevo più, anche perché ormai siamo abituati ad avere tutto a nostra disposizione in ogni periodo dell’anno e questo toglie buona parte del gusto e del senso di festa rappresentato dalla calzina piena di dolci. Se però anche a voi piace proseguire la tradizione e avete intenzione di confezionare una calza per le persone che amate, ecco un’idea da affiancare ai soliti cioccolatini comprati: i brutti ma buoni…nome che si adatta bene anche alla natura della Befana!

bruttibuoni1

Dopo un paio d’anni che li volevo provare, alla fine li ho fatti così, senza pensarci troppo. Merito degli albumi da riusare (residuo di una crema pasticcera) e della mia scarsa passione per le meringhe. E mentre meditavo questa ricetta, mi sono imbattuta negli stessi biscotti – ma alle mandorle – di Elena. Un segno del destino! Li dovevo fare.
I suoi consigli sono stati utilissimi, ma per soddisfare la mia curiosità ho voluto provare entrambi i metodi di cottura citati. Ve ne dò conto nel testo della ricetta.

Per quanto riguarda i brutti ma buoni, vi dico soltanto che l’aspetto è un po’ da gobbo di Notre Dame, ma sono buoni proprio come lo era lui! L’origine non è affatto acclarata: chi li vuole piemontesi, chi lombardi…e chi addirittura della zona di Prato/Pistoia. Che dire? Boh.
Possono essere fatti solo con nocciole, con mandorle o con un mix di entrambe. Si conservano per diversi giorni chiusi in una scatola di latta e costituiscono un’idea regalo sempre gradita. E allora, buon anno e buona Befana a tutti voi!

bruttibuoni7bis

BRUTTI MA BUONI ALLE NOCCIOLE

Dose per circa 40 biscotti:

  • 250 gr di nocciole (sgusciate ma con le pellicina)
  • 180 gr di zucchero semolato
  • 100 gr di albumi (circa 3) a temperatura ambiente

Distribuite le nocciole in una leccarda coperta da carta forno e mettetele nel forno preriscaldato a 200°, acceso solo nella parte alta. Tenetevele per 6-7 minuti, fin quando le pellicine esterne non iniziano a staccarsi e le nocciole si coloriscono appena. Attenzione a non farle scurire troppo, altrimenti sapranno di bruciato.
Trasferite immediatamente le nocciole in un canovaccio e sfregate con vigore per rimuovere le pellicine, aiutandovi anche con le mani quando le nocciole saranno meno calde. Secondo la mia limitata esperienza alcune pellicine resteranno comunque, ma non importa, conferiranno un sapore ancora più noccioloso!
Passate al mixer lo zucchero semolato e tenetelo da parte. Sempre con il mixer, tritate le nocciole ma senza polverizzarle: devono rimanere dei pezzetti abbastanza grandi e di dimensioni irregolari.
Montate gli albumi con le fruste elettriche; quando saranno già abbastanza consistenti aggiungete a poco a poco lo zucchero continuando a montare. Unite delicatamente le nocciole con un cucchiaio facendo attenzione a non smontare il composto.
A questo punto, ci sono due possibilità, come in una storia a bivi.

bruttibuoni4

A. Distribuite delle piccole cucchiaiate di composto sulla carta forno (io le ho fatte delle dimensioni di una grossa noce) e cuocete a 160° per 30-35 minuti (per me, nel secondo ripiano dal basso, alzandolo in quello sopra negli ultimi 5-10 minuti).

B. Versate il composto in una pentola dal fondo spesso e mettete sul fornello, a fuoco basso, per 15-20 minuti, mescolando continuamente con un mestolo di legno. Probabilmente si formerà uno strato di zucchero attaccato al fondo, ma non importa, lo toglierete dopo facendo bollire dell’acqua nella pentola vuota. L’importante è che il composto non bruci.
Dopo questa prima cottura, procedete come al punto A, cuocendo più o meno per lo stesso tempo. Ovviamente il tempo di cottura dipende anche dalle dimensioni dei vostri biscotti: più sono grandi, più tempo impiegheranno ad asciugare internamente.

bruttibuoni9

La differenza è che nel primo caso otterrete dei biscotti più friabili e meno compatti, un po’ più simili alla consistenza delle meringhe. Nel caso B, invece, avrete biscotti che, anche nell’aspetto, sono identici agli originali brutti ma buoni: bitorzoluti, più croccanti e compatti. Dal punto di vista del sapore, a mio avviso, non cambia granché, ma mi piace più come si presentano i secondi.
Qualsiasi strada scegliate, è importante non toccare i biscotti durante la cottura perché rischiate di sfaldarli. Fateli raffreddare bene e solo allora spostateli, ma sempre molto delicatamente.

Baci di cocco

united_kingdom_640Click to translate

Di nuovo alle prese con gli albumi avanzati. Ma le meringhe proprio non mi stanno simpatiche e le lingue di gatto le avevo già fatte di recente…così ho provato una ricetta alternativa che avevo in mente da un po’.
Velocissima e semplice, non proprio light ma sicuro successo, ve lo garantisco! 😉
E visto che si parla di baci, vi ricordo anche l’iniziativa di Kissotto, di cui vi ho parlato qualche giorno fa. Prosegue fino alla fine di ottobre, ed è un progetto davvero importante…partecipate numerosi!

cocco5_scritta

BACI DI COCCO

Per circa 15 baci:

  • 2 albumi
  • 80 gr di cocco grattugiato
  • 40 gr di zucchero semolato
  • 20 gr di zucchero a velo
  • 3 cucchiai di farina

Con una forchetta sbattete gli albumi e gli zuccheri. Aggiungete il cocco grattugiato e poi la farina setacciata, amalgamando bene il tutto.  Riempite una sac-à-poche con il composto e usate una bocchetta a stella per formare tante cupolette. In alternativa, potete formare delle palline con le mani.
Infornate a 180° per 10-12 minuti (i primi 7 minuti nel penultimo ripiano dal basso, poi spostateli al più basso).

Il tocco in più: potete sciogliere 100 gr di cioccolato fondente a bagnomaria e intingere la punta dei pasticcini, in modo da ottenere una semicopertura al cioccolato.

cocco4_scritta

COCONUT COOKIES

Makes 15

  • 2 egg whites
  • 80 g grated coconut
  • 40 gr granulated sugar
  • 20 gr caster sugar
  • 3 tablespoons of flour

With a fork, beat together the egg whites and sugars. Add the coconut and sift in the flour, mixing.
Line the baking sheet with a non-stick baking paper.
Fill a pastry bag with the mixture and make the cookies directly on the baking sheet.
Bake at 180°C/350°F for 10-12 minutes.
You can decorate your cookies by melting 100 g of dark chocolate and dipping the tip of each cookie in it.

cocco3