Crema fresca al basilico con mais e semi di zucca

united_kingdom_640

Click to translate

A me la voglia di accendere il forno non passa mai. Anche con 40 gradi all’ombra sogno di sfornare plumcake e crostate e spesso, impavida, sfido la calura e metto in atto i miei propositi. Attirandomi sguardi attoniti da parte di amici e parenti e maledicendomi da sola quando sono sul punto di liquefarmi, avvolta in bollenti effluvi di burro e col naso attaccato al forno.

Ogni tanto, però, prevale l’istinto di conservazione e capita che mi dedichi anche io a ricette veloci senza cottura. Ed effettivamente, la salute ne guadagna.

zuppa di mais e insalata-6

Con questa ricetta, avrete in pochi minuti un primo piatto fresco e leggero grazie al basilico e all’insalata, con un po’ di sostanza data dal mais e il gusto e la croccantezza dei semi di zucca. Senza dimenticare che è un concentrato di salute! Le mandorle e i semi oleosi, infatti, forniscono l’apporto di acidi grassi e la verdura fresca è un carico di vitamine e sali minerali indispensabile in questi periodi di calura. Con buona pace di torte e crostatine. (Che tanto sono già in agguato, lo sapete, no?).

zuppa di mais e insalata-1

Io ho deciso di sbollentare appena l’insalata (giusto per innalzare di quel paio di gradi la temperatura della cucina, che sennò mi faceva freddo), ma è un passaggio che si può tranquillamente omettere, per una ricetta totalmente senza fuoco.
Non sembra, ma è anche una ricetta vegana, il che – ogni tanto – non guasta. Al posto del latte di soia, ovviamente, potete usare latte vaccino oppure latte di avena, di mandorle, di riso…tutto quello che volete, in base alla virata che volete dare al sapore della vostra zuppa.

Per quanto riguarda il mais, io ho usato quello fresco, da una pannocchia avanzata dalla grigliata della sera precedente (per la preparazione, vedi le note in fondo al post). Nulla vieta di usare quello in scatola, ma risulta ancora più dolce e se decidete di usare un latte che ha molti zuccheri rischiate di ritrovarvi un piatto che assomiglia più ad un dessert che a una zuppa! Anche per questo io ho scelto il latte di soia.

zuppa di mais e insalata-11

CREMA FRESCA AL BASILICO CON MAIS E SEMI DI ZUCCA

Dose: 2 porzioni      Tempo di preparazione: 10 minuti       Tempo di cottura: 2 minuti

Ingredienti

  • 300 g di insalata gentile
  • 30 g di foglie di basilico
  • 3 cucchiai di mandorle
  • circa 100 ml di latte (per me, di soia)
  • 100 g di mais cotto
  • 2 cucchiai di semi di zucca
  • sale
  • olio extravergine d’oliva

Procedimento

Lavate l’insalata e sbianchitela in acqua bollente per 2 minuti. Scolate e passate sotto l’acqua fredda (meglio se mista a ghiaccio) per raffreddarla.
Tritate le mandorle fino ad ottenere una polvere.
Frullate al minipimer l’insalata con il basilico spezzettato grossolanamente, la farina di mandorle e il latte di soia. Iniziate con poco latte e aggiungetene ancora in seguito, in base alla consistenza che volete dare alla vostra zuppa.
Aggiustate di sale e tenete in frigo fino all’utilizzo.
Al momento di servire versate la crema nei piatti e distribuite su ognuno il mais e i semi di zucca, completando con un giro d’olio.

zuppa di mais e insalata-2

zuppa di mais e insalata-5

zuppa di mais e insalata-9

Note:

  • per il mais ho usato delle pannocchie fresche. Ho rimosso le barbe, le ho sbucciate e le ho lessate in abbondante acqua per circa 15 minuti. Poi le ho spennellate generosamente di burro fuso aromatizzato con sale, pepe, paprika e erba cipollina, lo ho avvolte in alluminio e cotte sulla padella di ghisa per 15-minuti, a fiamma medio alta e girandole un paio di volte in modo da farle rosolare bene su tutti i lati. Peccato non aver fatto delle foto delle pannocchie cotte…era troppa la voglia di mangiarle! E ormai, dovrò aspettare il prossimo anno…

pannocchie-1

pannocchie-3

pannocchie-2

pannocchie-4

Millefoglie di zucca fatata con copertura croccante

united_kingdom_640

Click to translate

Perché fatata?!
Presto detto.
Perché questo post è ispirato alle fiabe, e qual è la fiaba più fiaba di tutte se non la storia di “quella gran culo di Cenerentola”? (tanto per citare una fiaba molto più moderna)?
Che poi, riconosciamolo, in fondo Cenerentola ha anche dei meriti: lavora sodo, è previdente (chi l’avrebbe conservata la scarpetta?) e si dà il suo bel daffare per liberarsi dalla prigionia della sua stanza…mica come quella addormentata di Biancaneve, che per tutta la storia non fa altro che sgranare gli occhioni e svenire a destra e a manca!

Be’, a parte i giudizi di valore e di simpatia, la mia scelta è caduta su Cenerentola anche per motivi molto pratici, ovvero grandi quantità di zucca da consumare, giusto per non farci mai mancare la parte anti-spreco. In fondo, anche Cenerentola era brava in economia domestica, no?

cenerentola8
L’idea è nata quando ho letto il post di Enrica, che ha lanciato un fantastico contest: “Fiabe e ricette”. Presa dall’entusiasmo, complice la forzata inattività di un viaggio in treno, mi sono tuffata a pesce nei miei ricordi di bambina, riscoprendo fiabe accantonate da un paio decenni, apparentemente dimenticate, ma che invece si sono presentate rapide alla mia mente. Ed è stato un bel trastullarsi con i personaggi, le trame, le ambientazioni di tante fiabe e novelle, nel tentativo di richiamare i ricordi ai quali ogni storia dell’infanzia è indissolubilmente legata.

Collegare Cenerentola e la zucca è stato immediato, ma – diciamo la verità – anche parecchio banale. Però l’idea mi piaceva… E allora ho pensato di rendere un po’ più solido il tessuto dei rimandi.
Vada per la zucca che si trasforma in carrozza. Ma perché non aggiungere anche del groviera, formaggio preferito di quel ghiottone di Gas Gas, il topolino panciuto e un po’ tontarello? I topini Giac e Gas erano simpaticissimi, decisamente tra i miei personaggi preferiti.
Ma come dimenticare i dolci e coraggiosi uccellini che allietano le giornate della piccola “Cenerella”, la aiutano a cucirsi il vestito e a difendersi dalla sorellastre? E quindi ecco una copertura di briciole di pane e semi di zucca, che sarebbero certamente graditi al nugolo di passerotti disneyani.
Manca un elemento fondamentale, dite? Ah già…la scarpetta! Be’, quella la potrete fare nel piatto una volta finito il vostro millefoglie…e vedrete che non resterete delusi! 😉

cenerentola4

MILLEFOGLIE DI ZUCCA E GROVIERA CON COPERTURA CROCCANTE

Dose per 4 persone:

  • 600 gr di polpa di zucca
  • 160 gr di groviera (sarebbe stato ottimo anche del caciocavallo affumicato…ma poi sarei andata fuori tema!)
  • 6 cucchiai di pangrattato integrale (io l’ho fatto al mixer, lasciandolo piuttosto grossolano)
  • 2-3 cucchiai di semi di zucca
  • olio extravergine d’oliva

Tagliate la polpa di zucca a fettine alte mezzo centimetro e cuocetela in una teglia nel forno ventilato finché non diventa morbida (ma senza spappolarla!).
Tagliate delle sottili fettine di groviera, poi disponete in una terrina da forno le fette di zucca alternate a quelle di formaggio.
Mettete in forno a 180° per 15-20 minuti. Poco prima della fine della cottura, cospargete la superficie con il pangrattato, versate un filo d’olio e completate con i semi di zucca: fate abbrustolire per 2-3 minuti sul ripiano alto del forno usando la versione grill (occhio a non bruciare tutto, è questione di secondi). Sfornate e e servite caldo.

cenerentola3

 

Con questa ricetta partecipo al contest “Fiabe e ricette”

photo-contest-di-cucina-in-cucina

Cake salato ai semi di zucca

Venerdì scorso mi chiama una carissima amica che non vedo da tempo, dicendomi che nel pomeriggio verrà a Firenze con il suo compagno e la piccola Carlotta…come potevo non invitarli a cena?! Il preavviso, però, era davvero poco. Allora ho improvvisato una pasta con zucca, porro e ricotta (di cui vi darò la ricetta tra qualche giorno), un contorno di zucchine e un po’ di pecorino. Ma mancava qualcosa per completare il tutto. Così ho deciso di fare questo plumcake salato ai semi di zucca, semplice da preparare ma molto gustoso.
La serata è andata benissimo, e sono stata davvero felice di poter stare con la mia amica e la sua famiglia! Nella frenesia dei preparativi, però, ho dimenticato di fare una foto al plumcake…Peccato, perchè il risultato era davvero d’effetto! Mi dovrete credere sulla parola… 🙂

PLUMCAKE AI SEMI DI ZUCCA

  • 200 gr di farina
  • 60 ml di olio d’oliva
  • 150 gr di yogurt greco
  • 50 gr di parmigiano
  • 50 gr di semi di zucca
  • 2 uova
  • mezza bustina di lievito in polvere per torte salate

Tritate grossolanamente 30 gr di semi di zucca. Lavorate lo yogurt con le uova, aggiungete l’olio e poi la farina setacciata con il lievito. Unite infine il parmigiano e i semi di zucca tritati, e versate in uno stampo da plumcake foderato di carta da forno. Cospargete la superficie con i restanti semi di zucca e cuocete a 180° per 35-40 minuti. Sformatelo e servitelo una volta che si è raffreddato…il risultato è garantito!